Con l’emergenza sanitaria il lavoro da casa è aumentato a doppia cifra e con tutta probabilità questa modalità continuerà a essere adottata di più che in passato anche quando sarà finita la pandemia. Tra le criticità c’è la sicurezza informatica dello smart working. I dispositivi con cui i dipendenti si connettono tra le mura domestiche possono essere poco protetti e quindi diventare bersaglio di attacchi. Su questo fronte occorre che le aziende prendano misure adeguate, ma anche gli utenti possono ridurre i rischi con alcuni accorgimenti per difendersi.

Accorgimenti per proteggere il lavoro da casa dai cyber-attacchi

I rischi in termini di sicurezza

Tra le criticità dello smart working c’è la sicurezza a livello informatico, come dimostra la crescita degli attacchi su questo fronte. Per esempio il Report 2020 di Acronis, azienda specializzata nella protezione informatica, mette in evidenza un aumento degli attacchi contro i telelavoratori. Infatti, nel 2020 il 31% delle società a livello globale ha riferito una frequenza quotidiana degli attacchi. Per il 2021 è previsto un incremento di tale frequenza, con attacchi che punteranno ai collaboratori da remoto. Questo perché le misure di difesa dei sistemi ubicati all’esterno delle reti aziendali saranno più semplici da compromettere, facilitando l’accesso ai dati delle organizzazioni.

Per rispondere in modo adeguato all’evoluzione degli attacchi dei cybercriminali, le aziende, secondo l’analisi di Acronis, devono trasformare le proprie misure di protezione e sicurezza, con soluzioni in grado di fornire integrazione e automazione. Così si possono eliminare le complessità, ottimizzare le prestazioni e accelerare il ripristino nel caso in cui evitare un attacco non sia possibile.

Anche Kaspersky, azienda di sicurezza informatica, nel 2020 ha rilevato un aumento degli attacchi, con una media di 360 mila nuovi file malevoli al giorno, in crescita del 5,2% rispetto all’anno precedente. Questo è dovuto soprattutto a un grande incremento nel numero di trojan e di backdoor, in aumento rispettivamente del 40,5 e del 23%.

Misure di sicurezza di base

Tuttavia, se gli utenti adottano misure di sicurezza di base, è possibile ridurre significativamente i rischi del lavoro da casa. Per esempio, occorre prestare molta attenzione a non aprire file o allegati sospetti ricevuti da fonti sconosciute. Prima di scaricare qualsiasi cosa, è necessario controllare il formato dell’Url e verificare che il nome dell’azienda sia stato scritto in modo corretto. I siti web falsi, infatti, possono sembrare identici a quelli reali, ma ci sono delle anomalie che possono aiutare a individuare la differenza. Bisogna quindi evitare di scaricare e installare applicazioni da fonti inaffidabili e di cliccare su link ricevuti da fonti sconosciute o da pubblicità on-line sospette.

Un altro aspetto fondamentale è creare password uniche e sicure, includendo un mix di lettere minuscole e maiuscole, numeri, punteggiature e attivare l’autenticazione a due fattori.

Poi conviene installare sempre gli aggiornamenti e ignorare i messaggi che chiedono di disabilitare i sistemi di sicurezza di software aziendali o antivirus. Infine, è importante usare una soluzione di sicurezza informatica affidabile adatta al proprio sistema e ai propri dispositivi, in grado di segnalare quando è meglio non visitare un determinato sito e di proteggere il computer dai malware.

Alcune soluzioni pensate per il lavoro da casa. 

In tutto ciò, la tecnologia va in aiuto di chi lavora da casa. Tra le soluzioni presentate di recente c’è per esempio… Continua a leggere l’articolo originale…

Il tuo ufficio a casa!

Quale è la migliore stampante per lo smart working

Ti sei improvvisamente trovato a pensare e ripensare a un nuovo modo di riorganizzare il tuo lavoro? Centrufficio è qui per aiutarti…

Per lo smart. working allo stesso modo che per le lezioni onlinedipendenti e studenti hanno bisogno di attrezzature minime per garantire l’efficacia della comunicazione da casa. È vero che possiamo utilizzare il cellulare o tablet per collegarci alle videoconferenze. Però dobbiamo tenere presente che a volte lo schermo sarà molto piccolo per vedere i documenti condivisi. E se devi scrivere rapporti o compiti una laptop e una stampante saranno sicuramente più utili.

Centrufficio commercializza un’ampia gamma di stampanti, multifunzioni, PC desktop e notebook multimarca per offrire sempre massima affidabilità, formule personalizzate e assistenza. Centrufficio offre soluzioni di acquisto o noleggio su misura a Teramo, Pescara, L’Aquila e Ascoli Piceno.