Dal 14 gennaio 2020, Microsoft ha smesso di dare supporto a Windows 7. Ciò significa che i computer su cui è ancora installata questa versione non dispongono più di supporto tecnico, aggiornamenti e soluzioni di sicurezza informatica. Questo è spiegato dall’impresa nella sua pagina dedicata al supporto.

I rischi di continuare ad usare Windows 7 dopo la fine del supporto Microsoft

Microsoft chiarisce che puoi continuare a utilizzare Windows 7, ma il tuo PC sarà più vulnerabile a rischi per la sicurezza non avendo supporto tecnico né le patch di sicurezza. Windows continuerà a funzionare correttamente, ma il sistema viene quindi abbandonato alla sua sorte. Spie e criminali informatici cercheranno bug nel sistema per attaccare i PC che continuano ad usarlo. Immagina il pericolo che comporta scoprire nuove vulnerabilità e il lancio di attacchi, senza la possibilità di applicare una patch.

Windows 7 potrà essere installato e attivato al termine del supporto tecnico. Tuttavia, per evitare rischi di sicurezza e virus, Microsoft consiglia l’aggiornamento a Windows 10.

Compatibilità delle app

Fare un upgrade a Windows 10 non è così semplice, soprattutto per aziende e governi. Secondo un’indagine globale di Kaspersky, 4 utenti su 10 utilizzano ancora sistemi operativi senza supporto come Windows XP o Windows 7. La ditta di sicurezza rivela che il 40% delle microimprese e il 48% delle PMI e aziende utilizzano versioni obsolete del sistema operativo.

Microsoft ha avvisato con largo anticipo. Molti utenti hanno già fatto l’upgrade a Windows 10, ma le aziende e i governi lo hanno adottato con più calma. In molti casi non è disponibile un budget per rinnovare l’attrezzatura o è un processo complicato perché è necessario eseguire backup, riconfigurare, ecc. Il problema aggiuntivo è che molte aziende e governi hanno le loro app personalizzate che funzionano solo con Windows 7 e hanno bisogno di quel sistema operativo.

Recentemente il giornale tedesco Handelsblatt ha rivelato che circa 33 mila computer governativi in ​​Germania usano ancora Windows 7. Per i governi e le aziende che non hanno ancora Windows 10, Microsoft ha istituito un servizio di pagamento. Continuerà a stendere aggiornamenti di sicurezza per Windows 7, ma sarà necessario pagare all’incirca 45 euro all’anno per ogni PC in cui venga attivato questo servizio. Per una casa o una piccola azienda con un paio di computer, questa opzione può essere utile, ma per un’istituzione con 33 mila PC, è una spesa enorme.

Aggiornamento del computer

I requisiti di Windows 10 non sono esageratamente elevati, ma i computer con Windows 7 non sono precisamente nuovi. Windows 7 è stato rilasciato a luglio del 2009, più di dieci anni fa. Molto probabilmente, i computer che utilizzano ancora questa versione obsoleta del sistema operativo sono vecchi. Questo è il motivo per cui Microsoft consiglia che “il modo migliore per sperimentare Windows 10 è con un nuovo PC”, poiché l’aggiornamento da Windows 7 può influire sulle prestazioni di alcuni componenti come il disco fisso.

È meglio essere ben informati

Contattaci e insieme, senza stress, valuteremo se il tuo PC ha un’architettura valida e può essere aggiornato senza problemi al sistema operativo Windows 10 o se è necessario sostituirlo con un modello più recente.

Centrufficio commercializza una vasta gamma di computer desktop e portatili multimarca per offrire sempre la massima affidabilità, formule personalizzate e assistenza. Inoltre, Centrufficio offre soluzioni personalizzate di acquisto o noleggio per ogni tipo di azienda. Perché Centrufficio è il tuo partner tecnologico.